Stampa  English version
Home > Archivio > 39. Autunno Musicale 2005 > Il passato nel presente > Roberto Prosseda

"Roberto Prosseda"

Pianista

nato a Latina nel 1975, ha recentemente attirato l’attenzione di importanti musicisti e della critica specializzata per l’originalità del repertorio e delle sue scelte interpretative.
"I have always been impressed by his originality and his ability to rethink pieces of music familiar to all of us. His playing is always profoundly serious, and yet it gives musicians great pleasure both for its sensuous qualities and its conviction" (Charles Rosen).
"Prosseda's performance was an enlightening one in which he displayed an uncanny maturity and understanding of the works he presented. Confident and assured of touch, the pianist introduced himself as one with a sound grounding in technique and elegance of execution" (The Times).
Ha intrapreso gli studi di pianoforte con Anna Maria Martinelli e Sergio Cafaro, successivamente si è diplomato all’Accademia Pianistica di Imola frequentando i corsi di Alexander Lonquich, Boris Petrushansky e Franco Scala. Ha completato la sua formazione artistica con Dmitri Bashkirov, Leon Fleisher, William Grant Naboré, Charles Rosen, Karl Ulrich Schnabel, Fou Ts’ong presso l’International Piano Foundation (lago di Como) e ai corsi di Sermoneta.
Le affermazioni in alcuni dei più prestigiosi concorsi del mondo, come il “Micheli” di Milano, il “Casagrande” di Terni, lo “Schubert” di Dortmund, il “Mozart” di Salisburgo, gli hanno consentito di intraprendere un’intensa attività concertistica in più di quaranta Paesi in Europa, Asia, Australia, Nord e Sud America. Ha suonato come solista con numerose orchestre, tra cui la Filarmonica della Scala, la Mozarteum Orchester di Salisburgo, l’Ensemble Oriol Berlin, la Kammerakademie-Potsdam, l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Philharmonie der Nationen, l’Orchestra della Toscana, la Mozart Festival Orchestra (Chicago), collaborando con direttori come Dennis Russel Davies, Justus Frantz, George Pehlivanian.
In Italia ha tenuto concerti per il Teatro alla Scala, l’Orchestra Verdi e Serate Musicali di Milano, l’Accademia Filarmonica Romana, il Teatro la Fenice di Venezia, il Maggio Musicale Fiorentino e gli Amici della Musica di Firenze, l’Unione Musicale di Torino, il Teatro Comunale di Bologna,
l’Accademia Chigiana di Siena, il Festival Pianistico di Bergamo e Brescia. Tra gli impegni del 2005, concerti con l’Orchestra di Santa Cecilia, con la Sinfonica Siciliana, la State Philharmonic di Sofia, l’orchestra di Padova e del Veneto, e partecipazioni come solista a numerosi festival, tra cui la Biennale di Venezia, l’Autunno Musicale di Como, il Festival Pontino, il Festival di Lubiana, Settembre Musica di Torino.
Laureato con lode in Lettere presso l’Università La Sapienza di Roma, è autore di vari saggi musicologici ed è regolarmente invitato a tenere seminari e master classes in prestigiose università americane, asiatiche ed australiane (tra cui la “Georgetown” di Washington, la “Pepperdine” di Los Angeles, l’Haverford College di Philadelphia, il Conservatorio “Xing Hai” di Canton, l’Australian National University).
Particolarmente attivo come interprete degli autori italiani del Novecento e contemporanei, ha inciso l’integrale delle opere pianistiche di Petrassi e di Dallapiccola e un’antologia dedicata a musiche pianistiche di Aldo Clementi e di altri autori italiani contemporanei.
Nel 2005 ha debuttato con la Decca con il CD “Mendelssohn Discoveries” (Decca 476 3038), dedicato a brani pianistici di Mendelssohn in prima registrazione mondiale, che nel corso di quest’anno sta presentando in prima esecuzione assoluta in numerosi concerti a Milano, Roma, Torino, New York, Filadelfia, Lubiana, Pechino, Shanghai.