Stampa  English version
Home > Archivio > 39. Autunno Musicale 2005 > Il passato nel presente > amori

"amori "

La scelta dei luoghi è coerente rispetto ai testi e alle musiche, che conducono ad una vera e propria drammaturgia in un’alternanza di parole e suoni.
A Villa Erba mercoledì 30 novembre alle ore 21 avrà luogo la ripresa dello spettacolo “Amori”, rappresentazione che fa parte della storia dell’Autunno Musicale.
La prima edizione risale al 2002 nell’ambito del progetto “Sturm und Drang”, presentato nella Sala Bianca del Casino Sociale; nel 2003 la seconda ripresa venne messa in scena al Teatro Sociale di Canzo.
La versione presentata ripropone il tema amoroso in una unità fra architettura, musica e poesia.
Questa edizione è intitolata “Amori. Concerto di musica e parole” e riprende un’indagine basata sulla relazione artistica e affettiva fra Robert Schumann e Clara Wieck con musiche per canto e pianoforte, su testi di Johann Wolfgang von Goethe, Joseph C. von Eichendorff, Heinrich Heine, Nikolaus Lenau e Friedrich Rückert.
Tutte le composizioni di Schumann sono datate dal 1836 al 1850, pertanto raccontano un periodo della vita dell’autore trascorso con la moglie Clara. Dopo la loro ostacolata unione i due vissero un periodo di felicità, che tuttavia si chiuse tragicamente con la malattia mentale e la morte di Schumann.
La parte musicale si alterna a una parte teatrale in cui protagonista assoluta è una figura emblematica per il romanticismo tedesco: il personaggio ambiguo e drammatico di Mignon, la piccola fanciulla, personaggio che ha dato vita al testo più significativo della poesia romantica, inserito ne “La missione teatrale di Wilhelm Meister”, che ha ispirato numerose opere musicali: “Kennst Du das Land” (“Conosci il paese dove fioriscono i limoni?”). Questo Paese, lo si intuisce, è l’Italia, dove la piccola fu rapita.
Lo spettacolo si articola in sezioni senza intervallo (Appassionato e fantastico/ Amore e natura/ Mignon/ Clara e Roberto/ Presentimenti/ Tragödie/ Requiem/ Epilogo).